Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Accesso agli atti: 1) DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 2) ACCESSO CIVICO 3) PRATICHE EDILIZIE

La Legge garantisce e disciplina l'accesso agli atti e ai documenti dell'Amministrazione comunale. L'accesso si può esercitare in due modi:

  • prendere visione dell'atto o del documento
  • ottenere copia del documento

1) ACCESSO AGLI ATTI – DOCUMENTI AMMINISTRATIVI  – Segreteria Generale

Visione o Copie di documenti
La Legge garantisce e disciplina l’accesso agli atti e ai documenti dell’Amministrazione comunale
L’accesso si può esercitare in due modi:

  •  prendere visione dell’atto o del documento
  •  ottenere copia del documento.

In entrambi i casi occorre presentare richiesta scritta e motivata al Sindaco.

– Scarica il modulo per l’accesso ad atti documenti amministrativi

La richiesta viene presentata in carta libera: qualora si richiede la copia di atti o documenti per uso legale, anche la domanda deve essere presentata in carta legale (bollo da € 16,00).
Viene rilasciata copia del documento richiesto in carta semplice al costo di € 0,12 per foglio formato A4 e € 0,22 per foglio formato A3 quale rimborso fotocopie.
Per uso legale bisogna apporre una marca da bollo di €16,00 ogni quattro facciate.
Gli importi relativi devono essere versati presso la Tesoreria comunale – Banca Popolare di Milano – Ag. 73 – Piazza Della Pianta – Corsico.

 

2) ACCESSO CIVICO SEMPLICE E GENERALIZZATO D.Lgs. 97/2013 – Segreteria Generale

L’articolo 5 del decreto legislativo n. 33 del 4 aprile 2013 riconosce a chiunque il diritto di richiedere la pubblicazione di documenti, informazioni o dati, nei casi in cui tale obbligo sia stato omesso da parte delle Pubbliche Amministrazioni.

La richiesta di accesso civico non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, non deve essere motivata, è gratuita e va presentata al responsabile della trasparenza dell’amministrazione obbligata alla pubblicazione di cui al comma 1, che si pronuncia sulla stessa. L’amministrazione, entro trenta giorni, procede alla pubblicazione nel sito del documento, dell’informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l’avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto. Se il documento, l’informazione o il dato richiesti risultano già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l’amministrazione indica al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.”
L’istanza di accesso civico identifica i dati, le informazioni o i documenti richiesti e non richiede motivazione alcuna.l’ANAC (cfr. Linee guida) ha precisato che la richiesta non deve essere generica ma consentire l’individuazione del dato, del documento o dell’informazione del quale si chiede accesso. L’istanza di accesso deve avere ad oggetto una specifica documentazione in possesso dell’Amministrazione (indicata in modo sufficientemente preciso e circoscritto) e non può riguardare dati ed informazioni generiche relativi ad un complesso non individuato di atti di cui non si conosce neppure con certezza la consistenza, il contenuto e finanche l’effettiva sussistenza, assumendo un sostanziale carattere di natura meramente esplorativa. Nel caso in cui sia presentata una domanda di accesso per un numero manifestamente irragionevole di documenti, la cui istruttoria determinerebbe un carico di lavoro particolarmente gravoso, l’Ente può ponderare, da un lato, l’interesse dell’accesso del pubblico ai documenti e, dall’altro, il carico di lavoro che ne deriverebbe, al fine di salvaguardare, in questi casi particolari e di stretta interpretazione, l’interesse ad un buon andamento dell’amministrazione (cfr. ANAC, Linee Guida).
L’Ente deve consentire l’accesso ai documenti nei quali siano contenute le informazioni già detenute e gestite dallo stesso, ma è escluso che – per rispondere alla richiesta di accesso – sia tenuto a formare o raccogliere o altrimenti procurarsi informazioni che non siano già in suo possesso, ovvero a rielaborare i dati ai fini dell’accesso generalizzato.
Nei casi di ritardo o mancata risposta il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo: il Segretario Generale.
A CHI E’ RIVOLTO
L’accesso civico è un diritto che può essere esercitato da chiunque, è gratuito, non deve essere motivato. La richiesta va indirizzata al Responsabile della Trasparenza e può essere presentata in qualsiasi momento.Non sono richiesti requisiti particolari e la richiesta non deve essere motivata.
La richiesta può essere presentata sui moduli appositamente predisposti e trasmessa:
  • direttamente, previo appuntamento, o tramite posta ordinaria: Responsabile per la Trasparenza, c/o Ufficio Protocollo Comune di Corsico, via Roma, 18 – 20094 – ;
  • tramite Posta Certificata (PEC):  ufficioprotocollo@cert.comune.corsico.mi.it.

3) ACCESSO AGLI ATTI – archivio PRATICHE EDILIZIE – Sportello Unico per l’Edilizia (SUE)

Per presentare un Accesso agli Atti finalizzato ad ottenere copie e/o scansioni di pratiche edilizie presenti in archivio, consultare il Portale SUE e le specifiche istruzioni presenti nella sezione Modulistica/Modulistica SUE – file CONTATTI-INFORMAZIONI-ISTRUZIONI_ISTANZE.pdf.
Per inviare richiesta Accesso agli Atti tramite Portale è necessaria la registrazione, o come Cittadino o come Professionista, mediante SPID, CIE (Carta d’Identità Elettronica), CNS/CRS (“Tessera Sanitaria”).
La richiesta deve essere presentata da un avente titolo, quindi proprietario o comproprietario, o da un soggetto delegato da un avente titolo.
Il modulo di Accesso agli Atti – archivio PRATICHE EDILIZIE – si forma automaticamente a conclusione della compilazione tramite il Portale – quindi NON è da utilizzare il modulo per l’Accesso ad Atti documenti amministrativi, né il modulo per l’Accesso civico semplice, né il modulo per l’Accesso civico generalizzato, ma quello che si genera in automatico tramite procedura del Portale.
Una volta ricevuto, il SUE procederà alla sua protocollazione, dandone comunicazione ai richiedenti tramite mail; successivamente, il richiedente sarà contattato per fissare appuntamento per la visione degli atti o copia degli stessi saranno inviati al richiedente in modalità digitale a seguito di versamento di diritti di segreteria ed eventuali costi di riproduzione.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

07/04/2022