Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Insieme nella Primavera della Legalità

una rassegna dei Comuni di Corsico, Buccinasco, Cesano Boscone e Trezzano sul Naviglio insieme a scuole e associazioni: mostre, letture, spettacoli per contrastare le mafie

Data di pubblicazione:

lunedì 11 marzo, 2024

Tempo di lettura:

7 min

Incontri, presentazioni di libri, spettacoli, mostre, convegni, cene e marce. Dal 6 marzo al 18 aprile nei comuni di Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico e Trezzano sul Naviglio si terrà la “Primavera della Legalità”, una grande rassegna culturale che coinvolgerà le scuole, le associazioni del territorio, le forze dell’ordine, la magistratura e la cittadinanza grazie alla collaborazione tra le amministrazioni comunali che hanno deciso di impegnarsi insieme per promuovere la legalità e il contrasto alle mafie.

Tra i momenti comuni, due iniziative di grande valore: la lettura dei nomi delle vittime innocenti mafia in programma nella mattinata di venerdì 22 marzo al Parco Pertini di Cesano Boscone in occasione della Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie (21 marzo) e la mostra “L’Agenda ritrovata – I volti”, reportage fotografico di una iniziativa che ha coinvolto i gruppi di Agende Rosse, testimonial, media e migliaia di persone in tutta Italia quando l’associazione L’Orablù e il Movimento Agende Rosse, in occasione del 25° anniversario delle stragi di Falcone e Borsellino organizzarono una ciclostaffetta da Milano a Palermo, raccogliendo su un’Agenda Rossa, assunta come simbolo di una mancata giustizia, le firme di tutti coloro che ancora si fanno domande.

La mostra arriva sul nostro territorio e sarà allestita nei quattro comuni per una settimana: da venerdì 8 marzo a Trezzano sul Naviglio (Centro Socio Culturale), da lunedì 18 marzo a Cesano Boscone (Sala delle Carrozze, Villa Marazzi), dal 5 aprile a Corsico (Bem Viver), dal 14 aprile a Buccinasco (Biblioteca comunale).

Le prime iniziative si svolgeranno a Trezzano sul Naviglio, a partire da mercoledì 6 marzo con la presentazione del libro “I beni confiscati alla criminalità organizzata” in presenza dell’autrice Rosa Laplena presso la Sala Punto Expo di via Vittorio Veneto 30 alle ore 21.

Al Centro Socio Culturale di via Manzoni 10, venerdì 15 marzo alle 21 la presentazione del libro di Valerio Esposti “Giuseppe Tallarita. Un sogno spezzato” con la partecipazione di Rosi Tallarita e il giornalista Carlo D’Elia. In programma anche laboratori e letture per i più piccoli presso la Biblioteca delle Storie Infinite e una mostra su pensieri e parole dei ragazzi a cura di Arte e Arti Artemizie, Spazio Giovani e Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze. E infine lo spettacolo teatrale “Semplicemente donne. Quando la mafia incontra l’altra metà del cielo” con Luca Maciacchini mercoledì 27 marzo al Centro Socio Culturale.

“Lavorare insieme e condividere l’impegno quotidiano per costruire comunità libere dal malaffare – dichiara Fabio Bottero, sindaco di Trezzano sul Naviglio – è sempre più importante, soprattutto in un territorio come il nostro, fortemente segnato dalla presenza della criminalità organizzata. Con il patrocinio di Avviso Pubblico, la rete di Enti Locali e Regioni contro mafia e corruzione a cui aderiscono i nostri comuni, questa importante rassegna si rivolge alla cittadinanza del nostro territorio intercomunale, dai più piccoli agli adulti, con un messaggio chiaro: la nostra rete è ancora più ampia e solida, la legalità è organizzata”.

Sia a Trezzano che a Cesano Boscone presso le mense scolastiche si dedicherà il pranzo del 21 marzo alla legalità utilizzando i prodotti di Libera.

Anche a Cesano Boscone inoltre il primo appuntamento si terrà il 6 marzo: alle 14.30 si terrà una lezione aperta dell’Università delle tre età a cura di Auser con lo spettacolo “Pi amuri. Ballata per fiori innamorati: storie di donne contro le mafie”, di Eleonora Iregna, Benedetta Marigliano e Lucia Nicolai (Compagnia del Bivacco). Per le scuole il 18 marzo ci sarà la proiezione del film “I cento passi” alla presenza di Luisa Impastato, nipote di Peppino Impastato, giornalista e poeta, noto per la sua strenua lotta contro la mafia assassinato nel 1978. A un’altra vittima di mafia, il magistrato Cesare Terranova, sarà dedicata la proiezione e il seguente dibattito al Circolo Arci Terranova in via Kuliscioff il 21 marzo alle 18.30.

Dal 18 al 21 marzo la mostra “L’agenda ritrovata – I Volti”, il 22 marzo al Parco Pertini la lettura dei nomi delle vittime innocenti di mafia e dal 22 al 24 marzo in Villa Marazzi le mostre “La linea della palma” di Claudio Rizzini a cura del Circolo Fotografico Cizanum (incontro con l’autore domenica 24 marzo alle ore 11.15 presso la Sala delle Carrozze) e “Regole e legalità” a cura di Fata Onlus. Infine sabato 23 marzo alle 21 a Villa Marazzi “Campi di battaglia. Voci in cerca di pace“, concerto del gruppo Vincanto a cura di Anpi Cesano Boscone.

“La legalità – aggiungono il sindaco di Cesano Boscone Salvatore Gattuso e l’assessore alla Partecipazione Fulvio Paladini – è un valore che caratterizza l’azione quotidiana dell’amministrazione comunale e di tutta la nostra comunità. Quando abbiamo condiviso con alcune associazioni e con le scuole l’idea di una Primavera intercomunale dedicata alla legalità, l’adesione è stata molto ampia. Tanto che siamo riusciti a proporre un programma ricco di iniziative. Ed è per noi un grande piacere celebrare a Cesano Boscone la ricorrenza della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia con la lettura, nel parco Pertini, dei nomi delle vittime di mafia. Perché parlare di legalità vuol dire fare cultura, diffonderne e condividerne il senso con tutta la nostra cittadinanza”.

A Corsico la rassegna inizia il 4 aprile con il convegno a cui parteciperanno i familiari delle vittime innocenti di mafia. Saranno presenti Rosi Tallarita, Pinuccio Fazio e Simona Falcone per fare memoria dei propri cari morti per mano della criminalità organizzata, attraverso le loro testimonianze tra ricordo e impegno. Il 5 aprile si svolgerà la “Marcia della legalità” insieme alle scuole, mentre il giorno successivo le associazioni del territorio organizzano la “Cena della legalità”. In calendario anche mostre (Macelleria Palermo, L’agenda ritrovata), tornei sportivi, proiezioni di film (su Rocco Gatto, imprenditore che si è ribellato alla ‘ndrangheta, e su Padre Pino Puglisi), concerti e spettacoli, oltre a un incontro con le forze dell’ordine e con la magistratura per capire da vicino, con chi lavora ogni giorno contro la criminalità organizzata, cos’è la mafia, quali sono i nuovi settori di interesse e cosa fare per contrastarla.

“Dopo mesi di lavoro, per cui ringrazio i numerosi funzionari dei Comuni che hanno collaborato – commenta Gianluca Vitali, presidente della Commissione Antimafia di Corsico – abbiamo messo a punto un ricco calendario di iniziative molto interessanti. Ora speriamo nella risposta del pubblico, intanto un primo importantissimo e non scontato risultato è stato raggiunto: abbiamo dimostrato che tra pubbliche amministrazioni diverse è possibile collaborare per raggiungere obiettivi comuni. Lo slogan ‘fare rete’ è diventato realtà”.

Il testimone, a metà di aprile, passerà a Buccinasco, dove si concluderà l’ultimo viaggio sul territorio della mostra “L’agenda ritrovata – I Volti”.

Giovedì 18 aprile all’Auditorium William Medini di via Tiziano 7 andrà in scena lo spettacolo “Il sindaco pescatore” con Ettore Bassi che interpreta Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica ucciso il 5 settembre 2010, su drammaturgia di Edoardo Erba, tratta dal libro di Dario Vassallo, fratello del sindaco pescatore e dai racconti di chi lo ha conosciuto.

Ad altre vittime innocenti di mafia, come il giudice Giovanni Falcone e il sacerdote don Pino Puglisi, sono dedicati gli spettacoli per le scuole in scena in questi giorni. Per le terze medie, invece, lo spettacolo “Se dicessimo la verità”, con le storie di chi con coraggio lotta contro la criminalità organizzata anche sul nostro territorio.

“Raccontare le storie di chi ha combattuto le mafie – conclude Rosa Palone, assessora alla Cultura antimafia di Buccinasco – è importante per mantenere viva la memoria di uomini e donne che ci hanno permesso di essere liberi. Il nostro impegno con le scuole e la cittadinanza da quest’anno è condiviso insieme alle Amministrazione vicine con cui leggeremo i nomi delle oltre mille vittime di mafia e parteciperemo a tanti momenti comuni: siamo tanti, siamo forti e possiamo dimostrare che la mafia non è invincibile come ci ha insegnato Giovanni Falcone”.

I Comuni di Corsico, Buccinasco, Cesano Boscone e Trezzano sul Naviglio

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/03/2024